mercoledì 1 settembre 2010

Burger King in vendita

ROMA - La crisi economica morde ormai anche i giganti del fast-food. Burger King, diretta concorrente di McDonald's, sarebbe in vendita e secondo indiscrezioni della stampa Usa sarebbero già in corso trattative con potenziali acquirenti. Il gruppo britannico di private equity 3i Group sarebbe tra i contendenti nella corsa per portarsi a casa la seconda catena di fast-food al mondo. Sia Burger King che 3i Group non hanno rilasciato dichiarazioni in merito ma l'indiscrezione dei giornali ha fatto immediatamente impennare le azioni del gruppo. A New York il titolo è infatti schizzato del 18,5% a 19,50 dollari, segnando il rialzo più forte da maggio 2006. Prima di oggi la sua quotazione nel corso dell'anno era crollata del 13%.

venerdì 26 marzo 2010

Martini Soda e l’aperitivo all’asta

Dopo aver lanciato il sito ufficiale con il divertente esperimento della realtà aumentata, Martini Soda rilancia con la sua nuova campagna promozionale via web. L’aperitivo della casa torinese apre le porte del suo sito agli user generated content con un concorso interattivo che premia le più geniali proposte degli utenti. Basta ideare un originale party aperitivo e postarlo sul sito con video e foto; poi verrà votato dagli stessi visitatori e i vincitori verranno premiati con il Kit Martini Soda, che comprende 48 bottiglie dell’aperitivo frizzante, un frigo brandizzato Martini Soda, cinque apribottiglie, cinquanta bicchieri e uno svariato numero di palloncini ed adesivi per personalizzare la propria festa. L’iniziativa si chiama “aperitivo all’asta” e mira ad innovare, come sempre, lo statico mondo degli advertising online.
I promoter più attivi verranno premiati anche con l’esclusiva borsa frigo Martini Soda per portare in giro il proprio party. Al concorso si può partecipare anche in veste di supporter votando e promuovendo una particolare idea aperitivo, coinvolgendo altri amici per aumentare le proprie possibilità di estrazione ai premi finali. In contemporanea dal primo Luglio anche i bar e i locali che hanno richiesto in anteprima Martini Soda saranno coinvolti direttamente nell’iniziativa dedicata “Viva il tuo Locale” con un ampio spazio sulla pagina del sito riservato alla geolocalizzazione e la possibilità di essere votati per la migliore iniziativa legata all’aperitivo Martini.

mercoledì 17 giugno 2009

Italiani all'estero, Mediterraneans: concluso il primo evento antropologico made in Italy. A Jeddah - di Emanuele Esposito

Si è concluso il primo evento antropologico-made in Italy a Jeddah. Ha avuto un grande successo non solo tra la comunità Italiana, sono stati tanti Arabi ad intervenire ai tea-time gourmed e alla cene, non sono mancati momenti magici sia al Consolato Italiano durante la festività delle Repubblica che durante la cena di gala-presentazione.

Il dott. Sergio Grasso, antropologo, e lo chef Gianmaria Le Mura, fondatore dello ormai noto Maidireristorante, hanno parlato ampiamente dell’influenza araba nel’appunto mediterraneo e presentato anche prodotti di eccellenza dell’agroalimentare Italiano, ottenendo molto successo e richieste di acquisto.

Direi che l’evento ha raggiunto in pieno il suo obbiettivo, e certamente replicherà visto le tante richieste pervenute da più parti, sia dagli organi locali sia dal consolato Italiano.

Come già accennato in precedenti articoli, l’Arabia Saudita è un Paese che ha molto da dare e da prendere, sarebbe da schiocchi non prendere in considerazione il fatto di incominciare a fare una promozione mirata; ho verificato sia durante questo evento, e va dato atto al lavoro storico-culturale a Grasso per i suoi interventi, che hanno suscitato un certo interesse da parte degli arabi, che qui c’è sete di conoscere, gli arabi sanno apprezzare la buona cucina.

E’ innegabile che i due Paesi, specialmente nella parte del Sud Italia, abbiamo tante analogie: per questo che sia Grasso e Le Mura e il pasticciere Raschella hanno voluto enfatizzare il discorso culturale, e - credetemi - ha funzionato; ma certamente questo evento è stato una apertura, ora sta a noi e al governo Italiano non perdere questa opportunità.

Va dato atto comunque che lo sforzo del Consolato Italiano attraverso il suo Console Santacesaria Adriano, che ci ha sostenuto e concesso tutti gli spazi e la collaborazione di tutti i dipendenti, è stato eccezionale; io stesso mi sono dovute ricredere, e debbo dire che a volte noi italiani sappiamo stupire il Mondo, e in questa occasione certamente la comunità Italiana a Jeddah ha stupito!

Con gioia e mia gratitudine personale voglio ringraziare Mr. Mahmund Alamee’na e Madame Natswha Al Taher, proprietari del il villaggio che mi hanno dato modo di fare questo evento e di avere tutto il supporto della compagnia; questo evento è stato unico e per la prima volta in Arabia abbiamo messo una prima pietra per un futuro roseo per le aziende Italiane che in questa occasione ci hanno dato tutto il loro apporto.

Va il mio personale ringraziamento a tutta la redazione di ITALIACHIAMAITALIA che da circa un anno mi ha concesso questo spazio, un modo diverso per avere un contatto con l’Italia nel mondo: senza il loro giornale online, non avrei potuto dare visibilità a questo evento.

L’Italia è un grande paese, lo ha sempre dimostrato, e sono certo che sapremo uscire da questa crisi con orgoglio e umiltà, e sono più che convinto che il governo attraverso il Ministero delle Politiche agricole nel prossimo Evento ci darà tutto l’aiuto e il supporto. Il Ministro Zaia sta portando avanti progetti e valorizzazione dei prodotti ITALIANI: ho capito dai volti e dai momenti di discussione con gli arabi che qui c’è bisogno di Italia, e Zaia sono certo che non perderà per nulla questa strada.

Mediterraneans ha dato alla luce un grande cammino storico. Lasciatemi però lo spazio per un ultimo ringraziamento personale a Vincenzo Raschella e Cuomo Raffaele, i miei due collaboratori che in questi giorni mi hanno fatto da padre e madre.

Fonte


SEQUESTRATE OLTRE 7 TONNELLATE CARNE AVARIATA


ROMA - "Ho promesso tolleranza zero. E tolleranza zero è. Dobbiamo tutelare il lavoro, i sacrifici dei nostri agricoltori e la salute degli italiani". Così il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali Luca Zaia commenta il sequestro di 7 tonnellate e 400 kg di carne bovina e prosciutto cotto avariati e in cattivo stato di conservazione disposto dalla Procura della Repubblica di Monza. I prodotti sequestrati dai funzionari dell'Ufficio di Milano dell'Ispettorato Controllo Qualità del Mipaaf in uno stabilimento di Lentate sul Seveso erano sottoprodotti della macellazione e prodotti alimentari e stavano per essere utilizzati nella produzione di preparati gastronomici a base di carne. Tra i prodotti posti sotto sequestro anche 50 kg di ovoprodotti e 10 kg di spezie scadute da un anno. Tutta la merce era in evidente stato di alterazione e priva di etichetta e indicazioni che permettessero la tracciabilità di filiera, per un valore complessivo di circa 22.000 euro. "Abbiamo sventato un altro attentato alla sicurezza alimentare dei consumatori - conclude il ministro Zaia - La tolleranza zero è parte fondamentale del mio piano per difendere i prodotti italiani e genuini e vuol dire pugno di ferro contro i contraffattori dell'agroalimentare. Ancora una volta mi congratulo con l'Ispettorato Controllo Qualità per l'efficacia dei controlli predisposti a tutela dei consumatori e delle produzioni dell'agroalimentare italiano".
Fonte

Italia, caccia al pellet radioattivo. La Coldiretti: " Usate prodotti italiani".

Il problema del pellet (combustibile ricavato dalla segatura) radioattivo si diffonde nella Penisola. Dalla Valle d'Aosta, dove è partita l'inchiesta, le segnalazioni si spostano in tutta Italia: solo sabato scorso sono state sequestrate 10.000 tonnellate di materiale.

A scopo precauzionale, la Protezione Civile consiglia a chi in possesso del combustibile di contattare Vigli del fuoco (115) e Questura (113) per il corretto smaltimento della sostanza.

La regione Valle d'Aosta tenta comunque di buttare acqua sul fuoco: "Il materiale stoccato nei sacchetti o comunque allo stato inerte non risulta essere dannoso per la salute della popolazione", sulla stessa linea Salvatore Aprile, questore d'Aosta, che però precisa:" I pellet contaminatinon sono pericolosi per la salute dell'uomo quando sono inerti, mentre lo possono essere i fumi prodotti dalla loro combustione, così come le ceneri".

Il pellet pericoloso proviene dalla Lituania e reca tracce di Cesio 137, la sostanza radioattiva residuo della detonazione di armi nucleari e dai reattori delle centrali nucleari.

In ogni caso, la questione del pellet ripropone la vulnerabilità del mercato italiano a prodotti di non provata affidabilità. Al riguardo, la Coldiretti consiglia di rifornirsi con merci made in Italy, dalla tranciabilità garantita: "E' necessario investire sulla produzione di energia rinnovabile dell'agricoltura italiana che è ottenuta per oltre il 70% da biomasse combustibili dove sono completamente assenti i rischi di contaminazione nucleare", si legge in una nota diffusa dell' associazione.

Secondo l' Aebiom, (Associazione Europea per la Biomassa), sul territorio nazionale ci sarebbero 700mila stufe alimentate a pellet in Italia.

Il nostro Paese rappresenta inoltre uno dei più importanti mercati di tale combustibile: negli ultimi cinque anni, il consumo nazionale è salito del 400%, sopratutto per merito di stufe a pellet di media potenze ed uso casalingo (80% della domanda), ma anche per i sistemi di riscaldamento centralizzato come termostufe, termocaldaie e termocamini.

Data perciò la dimensione degli interessi in gioco, nel caso le partite di combustibile radioattivo non venissero individuate e rimosse velocemente dal mercato, un settore dell' economia già provato dalla crisi potrebbe subire nuovi, pesanti danni.
Fonte

giovedì 25 ottobre 2007

Chi gioca da ala, chi da mezz'ala... io gioco da mezzasega.

Napoli Affari - Chi gioca da ala, chi da mezz'ala... io gioco da mezzasega.

Chi gioca da ala, chi da mezz'ala... io gioco da mezzasega. Il mio "schema" in campo è sempre stato il seguente: correre. Non si sa dove, o da che parte o verso quale porta. Io corro. Forrest Gump mi fa una pippa all'amatriciana. Un altra mia prerogativa è quella di marcare. Nè a zona, nè a uomo: io marco a peste! Mi avvicino all'attaccante e gli sussurro frasi di buon auspicio del tipo: "ti restano 2 giorni di vita... che cazzo tiri a fare in porta... in cerca di una effimera gloria quando la tua vita non vale neanche la metà di quella di un protozoo...?" Cose così, insomma. Ormai rientrano negli annali antologici i miei tentativi di tirare in porta a mo' di giocatore di subbuteo: in pratica mi faccio spingere verso il pallone dai polpastrelli di un compagno di squadra. Il problema, però, sorge quando mi si stacca la base da sotto alle scarpe. Una delle mie tattiche preferite è legata alla "forza di persuasione", grazie alla quale tento di portar via il pallone all'avversario avvalendomi di convincenti discorsi dialettici mirati a far perdere nell'attaccante la fiducia in sè stesso. Esempio: "Sì... sei indubbiamente bravo ma... dopo che hai risolto? Sì, ok, farai anche goal... ma ciò non ti servirà a mettere il piatto in tavola... di cosa campi?" Oppure: "Come sta tuo fratello? quello plurilaureato con un master a Boston... lo senti ancora da quando ha vinto il premio Nobel?" Una'altra delle mie mosse vincenti consiste nel simulare una attacco alieno nel bel mezzo della partita. La tattica è semplice: basta restare immobile a centrocampo e fissare in alto con aria basìta ed attonita al tempo stesso. A quel punto le due squadre si fermano interrogative. Quale momento migliore per approfittarne e portar via il pallone? Un classico dei classici è quello di uscire dal campo con il pallone affermandone la proprietà ("Il pallone è mio e mo' voglio proprio vedere come cazzo fate se me ne vado... QUELLO ERA FALLOOO") Infine, c'è la tattica "Maradona", che consiste nello sniffare via dal campo tutte le righe bianche disorientando in questo modo gli avversari. E comunque, stronzate a parte, pensavo: se mi portate una videocamera organizzo una telecronaca in diretta!!! Giorgio Molfini

Italia affari